Italy - Tribunale di Cagliari, 3 aprile 2013, No. RG 8192/2012

Country of Decision:
Country of Applicant:
Date of Decision:
03-04-2013
Citation:
No. RG 8192/2012
Court Name:
Tribunale civile di Cagliari
Printer-friendly versionPrinter-friendly versionPDF versionPDF version
Headnote: 

Gli atti di mutilazione genitale femminile costituiscono atti di persecuzione per motivi di appartenenza ad un determinato gruppo sociale e, se accertato che tali atti siano specificamente riferibili alla persona della richiedente, costituiscono il presupposto per il riconoscimento dello status di rifugiato ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 2 e seguenti del Decreto Legislativo 19.11.2007, n. 251, attuativo della Direttiva 2004/83/CE.

Facts: 

La ricorrente aveva dichiarato di aver subito nel proprio Paese di origine maltrattamenti dalla seconda moglie di suo padre e di avere successivamente trovato ospitalità presso la famiglia della zia, di avere subito violenza sessuale nel contesto familiare dal marito della zia e di essersi allontanata infine per evitare di essere sottoposta ad un intervento di mutilazione genitale in previsione di un matrimonio concordato.

Giunta in Italia domandava protezione internazionale. La Commissione territoriale rigettava la domanda ritenendo non credibile l’istanza e comunque non sussistenti i requisiti previsti per il riconoscimento della protezione internazionale. Contro il rigetto veniva proposto ricorso dinanzi al Tribunale.

Decision & Reasoning: 

Il Tribunale ha ritenuto che, in virtù della giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo e della Corte di Giustizia, si deve ritenere che la mutilazione genitale femminile vada considerata quale atto di persecuzione per motivi di appartenenza al genere femminile. Non solo, qualora, come nel caso di specie per la Nigeria, essa sia generalmente praticata nonostante una previsione legislativa di sanzione, deve ritenersi che sussista l’ulteriore presupposto di un’impossibilità per la richiedente di avvalersi della protezione del proprio paese di origine.

Outcome: 

Accoglimento del ricorso e riconoscimento dello status di rifugiato.

Case Law Cited: 

CJEU - C-571/10 Servet Kamberaj v Istituto per l’Edilizia sociale della Provincia autonoma di Bolzano (IPES) and Others

Italy - Appeal Court of Rome, 2 July 2012

Italy - Appeal Court of Catania, 17 December 2012

Italy - Constitutional Court, No. 80/2011

ECtHR - Collins and Akaziebe v Sweden (Application no. 23944/05)