Italia - Tribunale di Roma, 18 Settembre 2018, R.G. n. 50192/2018

Country of Decision:
Country of Applicant:
Date of Decision:
18-09-2018
Citation:
R.G. no. 50192/2018
Court Name:
Tribunale di Roma
National / Other Legislative Provisions:
• Legislative Decree No. 25/2008
L. No. 241/1990
Legislative Decree No. 142/2015
Italian Constitution
Article 10 (3)
Printer-friendly versionPrinter-friendly versionPDF versionPDF version
Headnote: 

In mancanza di norme europee circa le modalita’ procedurali relative alla presentazione e all’esame della domanda di Protezione Internazionale, lo Stato Membro deve dsciplinare tali modalita’ garantendo che il godimento di diritti conferiti dall’ Unione Europea non sia nella pratica impossibile o eccessivamente difficile

Facts: 

Il richiedente asilo, cittadino ircheno di etnia curda, ha provato piu’ volte, senza successo, ad applicare per la protezione internazionale. In concreto, non ha avuto accesso all’interno dell’ uffico immigrazione a causa di comportamenti ostili da parte di altri richiedenti e a causa delle interminabili file all’ingresso. Il ricorrente agisce per ottenere un provvedimento che imponga all’amministrazione di ricevere la sua domanda e rilasciare un permesso di soggiorno per attesa asilo, cosi’ evitando il rischio di espulsione.

Decision & Reasoning: 

La Corte ha stabilito la necessita’ di prevedere garanzie minime che permettano in concreto di disporre del proprio diritto di richiedere asilo. Per esempio, richiedendo che sano predisposti meccanismi di prenotazione volti  evitare interminabili file. In aggiunta, il tribunale sottolinea come gli uffici della Questura non abbiano alcun potere discrezionale sulla ricezione delle domande di protezione internazionale. Di conseguenza, la mancanza di fatto di minime cautele procedimentali impedisce l’effettivo esercizio del diritto di richiedere protezione internazionale.

Outcome: 

Domanda accolta.

Observations/Comments: 

This case summary was written by Laura Palazzetti.