Italia – Tribunale di Palermo, 13 Settembre 2018, R.G. n. 9994/2018

Country of Decision:
Country of Applicant:
Date of Decision:
13-09-2018
Citation:
R.G. no. 9994/2018
Court Name:
Tribunale di Palermo – Sezione Specializzata “Protezione Internazionale”
Printer-friendly versionPrinter-friendly version
Headnote: 

Il comportamento omissivo o il ritardo dell’autorita’ amministrativa non puo’ ostare al diritto del ricorrente ad ottenere il riesame della sua posizione alla stregua del mutamento delle condizioni del Paese di origine dell’applicante.

Facts: 

Il ricorso si basa sul rifiuto della Questura di Palermo a procedere alla registrazione della richiesta di Protezione Internazionale sulla base del fatto che, in primis, fosse stata presentata ad una autorita’ non competente e, in secundis, in considerazione delle circostanze del Paese di origine dell’applicante. 

Decision & Reasoning: 

Il Tribunale afferma che risulta documentalmente provato che il riccorente abbia proposto una nuova domanda sulla base del mutamento delle condizioni in Mali, senza mai ricevere ne’ un diniego ne’ una accettazione.

Aggiunge che, in accordo conl’articolo 6 della Direttiva 2013/32/EU, gli Stati Membri devono garantire che la registrazione della richiesta di Protezione Internazionale sia effettuata entro sei giorni lavorativi. Cio’ e’ valido anche se la richiesta e’ stata presentata ad una autorita’ nazionale non competente alla registrazione. 

Il Giudice continua affermando che, in accordo con l’articolo 3 del Decreto Legislativo 25/2008, le Questure non possono esercitare alcun potere discrezionale, dovendosi limitare a registrare la domanda di Protezione Internazionale e trasmetterla all’autorita’ competente deputata a valutarne la fondatezza.

In conclusione, il comportamento omissivo o il ritardo della Questura di Palermo alla registrazione della domanda ostano al corretto esercizio del diritto di riesame dell’applicazione alla stregua del mutamento dele condizioni del Paese di origine.

Outcome: 

Domanda accolta.

Observations/Comments: 

This case summary was written by Laura Palazzetti.